Le camelie: i lavori da fare in ogni stagione


Generalmente per le camelie (ma non per le sasanqua) il periodo fra fine inverno e inizio primavera (da gennaio ad aprile) è il momento della fioritura, in un periodo in cui pochi altri fiori sono già sbocciati! L’unica cosa da fare durante la fioritura è asportare i fiori sfioriti o rovinati. La primavera è il periodo giusto per mettere a dimora una camelia. Dopo la fioritura è possibile potare i rami secchi e danneggiati e dare una forma all’arbusto.

In estate, le camelie vanno concimate con prodotti specifici (le concimazioni andranno sospese a metà agosto). Bisogna curare le annaffiature e eventualmente munire di sostegni le varietà con rami sottili.

In autunno bisogna mantenere umido (il giusto!) il terreno: in realtà, secondo l’andamento della stagione e la zona in cui vivete, potrebbero anche non essere necessarie irrigazioni. La cosa è da valutarsi.

All’arrivo dei primi freddi, se vivete in zone molto fredde, potete proteggere le piante in vaso dalle gelate. In Pianura Padana in realtà non ho mai avuto particolari problemi con le camelie, che sono generalmente resistenti al freddo. Se sono previste forti gelate potete avvolgere le camelie con del tessuto non tessuto durante la notte e rimuoverlo di giorno oppure (più semplice) avvolgere il vaso o la base della pianta (se è in terra) con della paglia per proteggere le radici.