Pachisandra: cure primaverili

In primavera potete scalzare i nuovi getti dotati di radici per moltiplicare le vostre pachisandre. Anche i cespi diventati troppo grandi possono essere scalzati e divisi

Il periodo migliore per la messa a dimora va dall’autunno alla primavera, tenendo conto del clima (evitate i periodi con terreno troppo bagnato, gelato o innevato).

Una potatura di contenimento può essere effettuata all’inizio della ripresa vegetativa su piante che non abbiano meno di due anni. Dopo la potatura e bene concimare.

Precedente Il tacchino sdolcinato (straccetti di tacchino con miele e cannella) Successivo Gelsomini: cure primaverili