Nocciolo contorto: cure autunnali

Si avvicina il periodo dei Morti, il periodo dell’anno che per i celti era Samhain e per gli americani Halloween. Viene spontaneo in questa stagione pensare a zucche e crisantemi, ma c’è un’altra pianta che con il suo aspetto spettrale e contorto sembra creata appositamente per decorare i nostri giardini autunnali. Il suo nome ufficiale è corylus avellana, per gli amici nocciolo contorto.

Il nocciolo contorto ha una caratteristica che lo rende quantomeno insolito: i suoi rami si flettono, attorcigliano e contorcono a tal punto da far sembrare che sia uscito direttamente da una fiaba dei fratelli Grimm! Così, a differenza delle altre piante che sono più belle quando hanno foglie, fiori e frutti, sfoggia il massimo del suo fascino quando è spoglio.

Nocciolo contorto: come prendersene cura in autunno

Di questa fantasiosa pianta ho già parlato in altri articoli spiegando come prendersene cura in primavera, estate, inverno… ma non abbiamo ancora visto come accudirlo in autunno!

In realtà il nocciolo contorto non necessita di particolari attenzioni in questa stagione, ma il periodo fra autunno e inverno, quando la pianta è a riposo, è il momento migliore per la messa a dimora, dunque, se non ne avete ancora uno, potete rimediare!

Nocciolo contorto

Il nocciolo contorto ha un portamento arbustivo e può raggiungere le dimensioni massime di 3 metri di larghezza e 6 di altezza. Questo è un fattore importante per decidere dove posizionarlo. Il mio consiglio è di piantarne esemplari singoli (non gruppi) in quanto così potrete gustare appieno la bellezza dei suoi rami. La pianta può essere coltivata in piena terra o in vasche o vasi spaziosi. Non necessita di essere ritirata, dunque potete porla in una posizione fissa.

Il nocciolo contorto si adatta a vari tipi di terreno, ma preferisce quelli fertili e ben drenati.

Fate attenzione a che il terreno non si secchi, soprattutto nel caso di piante in contenitore e di esemplari giovani (le piante mature in piena terra riescono ad andare a cercare l’acqua con le radici, mentre quelle nuove e quelle in vaso sono più vulnerabili).

In autunno e in primavera potete effettuare delle concimazioni. In autunno inoltre potete potare il vostro nocciolo se volete evitare che si ingrandisca troppo.

Nocciolo contorto

Precedente Iberis sempervirens per un giardino bello in ogni stagione Successivo Caprifoglio invernale: promemoria cure autunnali!