La bella forsizia che spazza via l’inverno

In primavera, quando il sole inizia a scaldarci, improvvisamente arriva ovunque un’esplosione di fiori gialli. Sono le luminose forsizie, fra le prime piante ad annunciare l’arrivo della primavera. Eppure, capita spesso di sentire persone che chiedono: “Perché la mia forsizia non fiorisce mai?” Probabilmente perché la poti nel periodo sbagliato! Molti, presi dalla smania delle potature, ai primi soli di primavera potano anche le forsizie, non sapendo che così ne rimuovono completamente la fioritura!!! La forsizia va potata  sì in primavera, ma DOPO la fioritura! In primavera ricordatevi piuttosto di concimare e pacciamate le forsizie, soprattutto se crescono a ridosso di muri o recinzioni.

In estate ricordatevi di innaffiare regolarmente soprattutto gli esemplari giovani, piantati l’autunno precedente. I più intraprendenti possono provare, all’inizio dell’estate, a moltiplicare la forsizia tramite talee semilegnose.

L’autunno è il periodo giusto per la messa a dimora o per la moltiplicazione tramite talea legnosa (in ottobre). Importante rispettare i tempi della pianta: dovete far passare almeno un anno prima di mettere a dimora le nuove piantine.

Solo se l’inverno è molto rigido, potete proteggere la forsizia con del tessuto non tessuto. Di solito, comunque, non è necessario. In Pianura Padana in realtà non ho mai avuto particolari problemi con le forsizie, che sono generalmente resistenti al freddo.

Precedente Agrifoglio: come accudirlo nelle varie stagioni Successivo Stregati berberis