Ibisco siriaco

Il Tempo Giusto è anche saper scegliere piante adatte al nostro clima e agli spazi a disposizione, rispettando i loro cicli e le loro necessità. A meno che non disponiate di una serra o di una casa molto spaziosa, meglio preferire piante rustiche, che possano ben adattarsi alle nostre temperature, senza bisogno di forzare Madre Natura. In caso vogliate acquistare un ibisco, ad esempio, il mio consiglio è di scegliere quello siriaco (Hibiscus syriacus): ne esistono molte varietà, una più bella dell’altra.

Nonostante l’aspetto esotico, l’ibisco siriaco è molto rustico, talmente adatto ai nostri climi da poter essere piantato in piena terra, risparmiandosi la preoccupazione di doverlo ritirare (che avreste invece con un Hibiscus rosasinensis, non adatto a vivere all’aperto nel nostro clima).

In primavera

La primavera è la stagione giusta per la messa a dimora di nuovi ibischi. In primavera concimate e zappettate ai piedi degli ibischi già in vostro possesso. A fine primavera, potate gli esemplari giovani e riordinate soltanto quelli più maturi.

In estate

bagnate con regolarità. Una buona pacciamatura può aiutare a proteggere le radici dal caldo e dalla siccità: se non l’avete ancora fatto, potete prepararla ora. Fate eventuali trattamenti contro gli afidi, se necessario. Concimate gli ibischi più giovani.

Se il vostro ibisco è “pigro” non eliminatelo: alcuni ibischi necessitano di un anno o due prima di poter avere una completa fioritura, dunque provate a concedere alla vostra pianta un po’ di tempo. Il giardinaggio richiede pazienza: non tentate di forzare la pianta con concimazioni eccessive: rispettatene i tempi.

Se poi vi sentite dei pollici verdi (o volete diventarlo), superate voi stessi: l’estate è la stagione giusta per moltiplicare l’ibisco tramite talea.

In autunno

In autunno ricordatevi di tenere gli ibischi al riparo dai venti (potrebbero piegarli o spezzarli). Tagliate eventuali rami spezzati.

In inverno

L’ibisco siriaco è una pianta rustica che non richiede particolari attenzioni in inverno. Se volete star più sereni, comunque, (ad esempio se il vostro ibisco è in posizione molto esposta ai venti o se sono previste brutte gelate) potete proteggere le radici e la base della pianta.

Precedente Lavanda Successivo Cotoneaster: una bellezza diversa in ogni stagione!