Gelsomini: cure estive

Gelsomino bianco estivo (jasminum officinale)

Dall’inizio dell’estate fino all’autunno il gelsomino bianco si copre di fiori profumatissimi: è il momento di godere della sua meraviglia! In estate curate bene l’irrigazione e legate i rami (man mano che crescono) al tutore o al graticcio. Accorciate solo i rami troppo lunghi e cimate i getti apicali (questo ottimizzerà la fioritura e eviterà una crescita incontrollata).  A fine agosto sospendete la concimazione. Il gelsomino può essere moltiplicato per propaggine durante il periodo vegetativo, portando alcuni rami a toccare il terreno, interrandone leggermente una parte (che sarà tenuta a terra da un peso o da un fermo) e separando poi in autunno dalla pianta madre i rami che hanno emesso radici.

gelsomino

Jasminum humile revolutum

Ci allietano per tutta l’estate, fino a settembre i bei fiorellini gialli del jasminum humile revolutum, i cui primi fiori sono sbocciati già in primavera.

Gelsomino invernale (jasminum nudiflorum, noto come “gelsomino di San Giuseppe”)

Il jasminum nudiflorum può essere moltiplicato per talea in estate, stando attenti a non prelevare troppi rami, perché la stagione non è quella giusta per le potature (da effettuarsi in primavera). In estate estirpate con regolarità le erbacce, curate l’irrigazione e legate i rami al tutore o al graticcio man  mano che si sviluppano.

Precedente Pachisandra: cure estive Successivo Glicine: cure estive