Eleagno: cure primaverili

A marzo potete moltiplicare per talea l’eleagno. Prelevate delle talee con tallone (una piccola porzione del ramo portante), intingete la base in ormoni radicanti e interrate. In 40-50 giorni le talee dovrebbero aver radicato.

Autunno e primavera sono i periodi migliori per la messa a dimora di nuovi esemplari.

Se le ultime gelate hanno distrutto i giovani getti, aspettate che ne spuntino di nuovi, quindi eliminate quelli danneggiati. Eliminate i rami morti fin sopra un getto sano.

In primavera, potate (ad esempio le siepi) e pacciamate.

Eleagno

Precedente Ravanelli: piccolo promemoria cure primaverili Successivo Erica: cure primaverili