Dove fare l’orto? Come scegliere la posizione migliore per il proprio orticello.

Dove fare l’orto? Molti tendono a pensare all’orto solo in primavera, presi dall’entusiasmo per il risveglio della natura e per i primi soli, ma proprio l’autunno è una stagione perfetta per osservare bene il proprio giardino, valutare la posizione migliore per il nostro futuro orto (o per il nuovo orto, se quello che avete ora non vi soddisfa) e preparare il terreno.

In questa stagione non c’è il problema di dover preparare tutto in fretta per poter piantare o seminare in tempo, inoltre preparare il terreno ora è una scelta molto saggia: in primavera il vostro orto sarà già pronto per l’impianto e, se il terreno è povero, potete iniziare fin d’ora ad arricchirlo con concimi naturali a lenta cessione o a correggerne la struttura.

terra

Detto questo… come bisogna scegliere dove collocare l’orto? Come scegliere la posizione migliore per i propri ortaggi?

In primo luogo, se vivete in una zona ventosa, è bene che il vostro orto sia protetto dal vento (in particolare dai venti freddi del nord, come Grecale e Maestrale), ma collocato in modo da essere ben illuminato. Un tempo si usava, in mancanza di protezioni naturali, crearne tramite cancellate rivestite di piante o siepi (non troppo vicine alle coltivazioni, perché non devono far loro ombra).

Se un’eccessiva esposizione ai venti non va bene, bisogna fare anche attenzione al problema opposto: un appezzamento troppo chiuso, poco arieggiato e poco drenato (ad esempio chiuso fra alti muri o con tendenza ad accumulare troppa umidità) sarebbe molto problematico per un orto.

E’ bene che l’orto sia esposto a sud-est / sud-ovest, in modo da poter godere ad ogni ora della luce del sole, che aiuterà la maturazione dei vostri ortaggi. Questo non sarà comunque un problema nel caso viviate molto a Sud, dove di sole ce n’è fin troppo.

Scegliete un terreno il più pianeggiante possibile. Se non ne avete a disposizione, valutate l’idea di creare piccoli appezzamenti pianeggianti tramite terrazzamenti. Sarà faticoso, ma verrete ricompensati. In un terreno in pendenza l’acqua tenderebbe a scivolare via, facendo dilavare gli elementi nutritivi. In un orto inclinato, inoltre, sarebbe molto difficile la manutenzione.

Non create le vostre aiuole nelle immediate vicinanze di alberi: con le loro radici andrebbero a creare una concorrenza con le piante del vostro orto, rubando loro acqua e nutrimento. Oltre a questo, l’ombra proiettata dalle chiome degli alberi impedirebbe una corretta insolazione.

Assicuratevi di avere una presa dell’acqua abbastanza vicina alla zona in cui intendete coltivare. Se non ne avete una, potete predisporla portando un tubo. Se siete troppo lontani dalla rete idrica, potete valutare di far scavare un pozzo che vi permetta di irrigare l’orto senza agganciarvi alla rete idrica. Se avete poco tempo, infine, vi consiglio di valutare la creazione di un impianto di irrigazione, meglio se gocciolante (un impianto gocciolante, bagnando il terreno senza spruzzare le foglie, vi eviterà molte malattie oltre a permettervi di risparmiare acqua).

Non tutti hanno la fortuna di poter fare l’orto sotto casa. Se non ne avete la possibilità è meglio che esso non sia  comunque troppo lontano. In questo modo eviterete di rendervi la vita difficile. Prendersi cura dell’orto sarà più facile e immediato se si trova vicino a casa. Se non potete ricavare un orto a casa vostra e siete costretti a farlo altrove, cercate un terreno che sia comodamente raggiungibile in modo da poterlo raggiungere senza problemi (dovrete recarvi al vostro orto quotidianamente) e da poter facilmente trasportare raccolto e attrezzi.

Potrebbe interessarti anche:

Author: iltempogiusto

Share This Post On