Clematidi: cure autunnali

Vi ho già parlato delle clematidi, di come vanno curate in primavera, estate e inverno, ma ora che è autunno, cosa bisogna fare?

Iniziamo col dire che primavera e inizio autunno sono i periodi migliori per la messa a dimora della clematide alpina. In autunno si possono anche seminare i semi precedentemente raccolti. Dunque questo è un buon periodo per chi non ha ancora delle clematidi e ne vorrebbe o per chi vuole averne di più.

La clematide ‘Jackmani’ (eh sì, esistono tantissime varietà di clematide e ognuna richiede attenzioni differenti!) può essere utile per rallegrare il giardino in piena estate, fino all’autunno, quando tanti altri fiori sono ormai sfioriti. Anche per lei la messa a dimora va fatta in primavera o in autunno. Se ne avete già, in autunno eliminate il fogliame danneggiato (la potatura vera e propria va effettuata in primavera!)

Anche la clematide ‘Venosa Violacea’, tardiva, ha il pregio di fiorire fino in pieno autunno: la sua fioritura inizia a luglio per terminare solo a ottobre! Se avete la fortuna di averne una, in autunno ricordatevi di concimarla. Alla fine della fioritura, effettuate una potatura di riordino.

clematide alpina
clematide alpina
Precedente Piracanta: come accudirla in autunno Successivo Kerria japonica: bella in ogni stagione. Come accudirla in autunno.