Astilbe: inverno

Con le loro piume fiorite le astilbe possono colorare e illuminare gli angoli ombreggiati da maggio fino al tardo autunno e perfino in inverno esse restano belle, con le loro interessanti infruttescenze, mentre i fiori, prima di scomparire, passano dai vivaci colori estivi a toni bruni e bronzati. …

A fine inverno alle infiorescenze resta ben poca bellezza: tagliate gli steli raso terra. Alcuni preferiscono tagliare tutta la pianta rasoterra all’arrivo dei primi freddi (differenti scuole di pensiero!)

Le astilbe possono essere piantate dall’autunno fino all’inizio della primavera, evitando i periodi in cui il suolo è inzuppato o gelato. Prima di piantare le astilbe, pulite il terreno da sassi e erbacce e incorporatevi del materiale organico. Le astilbe amano l’umidità e soffrono il sole: crescono bene in ambienti boschivi, su terreni marginali, riparate da arbusti più alti o in giardini lacustri.

Le piante acquistate in vaso possono essere messe a dimora durante tutto l’anno, purché siano maneggiate senza disturbare il fragile apparato radicale. L’autunno resta comunque la stagione ideale.

Se nel mese di agosto avete seminato delle astilbe, a ottobre le piantine saranno state trapiantate, mettendole in vasetti singoli (o in piena terra se vi trovate in un clima molto mite). Potrete piantarle in piena terra a febbraio-marzo.

astilbe

Precedente Inverno: le incantevoli iris nane. Successivo Viole e violette: come accudirle in inverno