Astilbe: cure autunnali.

Astilbe

Con le loro piume fiorite, le astilbe possono colorare e illuminare gli angoli ombreggiati da maggio fino al tardo autunno, dando un tocco di magia al vostro giardino. Perfino in inverno esse restano belle, mentre i fiori, prima di scomparire, passano dai vivaci colori estivi a toni bruni e bronzati (in autunno non rimuovete le infiorescenze: vi si formeranno infruttescenze che decoreranno la pianta ancora per molti mesi!). Numerose le varietà, con differenti portamenti e colori: Astilbe Peach Blossom, Fanal, Sprite, Vision in Pink, Deutschland, Younique Pink, Elizabeth Bloom, Gladstone ecc.

L’autunno è il periodo ideale per aggiungere nuove piante: la messa a dimora può essere effettuata dall’autunno alla primavera, evitando i periodi in cui il suolo è inzuppato o gelato. Le piante acquistate in vaso possono essere messe a dimora durante tutto l’anno, purché siano maneggiate senza disturbare il fragile apparato radicale. L’autunno resta comunque la stagione ideale.

Prima di piantare le astilbe, pulite il terreno da sassi e erbacce e incorporatevi del materiale organico. Attenzione alla posizione! Le astilbe amano l’umidità e soffrono il sole: crescono bene in ambienti boschivi, su terreni marginali, riparate da arbusti più alti o in giardini lacustri.

Le astilbe perdono energia dopo i primi quattro/cinque anni di vita, diventando meno compatte. In autunno potete rimediare scalzando i cespi e dividendoli: ripiantate solo le sezioni prelevate lungo i bordi dei cespi e irrigate copiosamente.

Se nel mese di agosto avete seminato delle astilbe, a ottobre le piantine andranno trapiantate, mettendole in vasetti singoli. Nei climi miti possono essere messe a dimora in piena terra già in questa stagione, ma se il clima è più rigido sarà molto meglio attendere febbraio-marzo.

Precedente Malva: cure autunnali Successivo Viburno plissettato: cure autunnali