Il magico acero giapponese

L’acero giapponese, a differenza di altri tipi di acero, è una pianta lenta che mantiene a lungo dimensioni contenute. Come sempre, anche in questo caso è importante conoscere e rispettare i tempi della pianta: se desiderate avere in poco tempo un albero di un’altezza ragguardevole, l’acero giapponese non fa al caso vostro, mentre sarà perfetto se per problemi di spazio avete necessità di scegliere piante che non crescano in modo troppo veloce e incontrollato. Se non siete sicuri di quale acero scegliere per il vostro giardino (le varietà sono molte e molto differenti!) fatevi consigliare da un professionista di fiducia.

Primavera

Una volta effettuata la scelta, il periodo migliore per la messa a dimora di un nuovo esemplare è a metà primavera, scongiurato il pericolo di gelate notturne. La primavera è anche il periodo giusto per pulire il terrenopacciamare.

Rispettate il naturale ritmo di crescita dell’albero e non eccedete con i fertilizzanti nel tentativo di accelerarne la crescita: fareste solo danno!

Fra la fine della primavera e l’inizio dell’estate l’acero giapponese si riempie di grappoli di fiorellini e, successivamente, dei caratteristici semi contenuti in baccelli a elica (le samare) perfettamente ideate da Madre Natura per raggiungere luoghi di semina anche distanti dall’albero.

Estate

In estate ricordatevi di concimare con regolarità il vostro acero, soprattutto se è in vaso, ma allo stesso tempo fate attenzione a non eccedere con i fertilizzanti nel tentativo di accelerarne la crescita: fareste solo danno! Piuttosto curate bene le annaffiature, perché questa pianta soffre la siccità.

In autunno potete raccogliere i semi del vostro acero e interrarli in dei vasetti per produrre altre piantine, ma abbiate pazienza:  potrebbero spuntare in primavera oppure dopo un intero anno! Come sempre, conoscere i tempi della natura ci può salvare da grossolani errori.

Autunno

In autunno il fogliame degli aceri giapponesi assume dei bei colori vivaci prima di cadere. Le foglie cadute possono essere lasciate a terra: sono belle e fanno da pacciamatura.

Avendo necessità di spostare un esemplare di acero giapponese, questo è il periodo più adatto.

Inverno

In inverno gli aceri sono spogli, ma la bella corteccia dell’acero giapponese e la sua forma aggraziata lo rendono comunque elegante. In questa stagione c’è una sola cosa da fare per l’acero giapponese: ammirarlo.

Precedente La spettacolare magnolia Successivo Agrifoglio: come accudirlo nelle varie stagioni